Charles Burton Barber, il pittore di animali

| STORIA

barberburtonAnche se c’erano un sacco di pittori disposti a cogliere il fascino dei nostri compagni canini, nessuno lo fece nel modo più efficace come Charles Burton Barber (1845-1894).

Dopo aver studiato alla Royal Academy a diciotto anni, espose lì le sue opere dal 1866. Divenne un pittore di animali molto popolare specializzato in ritratti sentimentali di cani, spesso con bambini. Le sue opere spaziarono dalla riproduzione reale allo schizzo rapido. Benché ritenute troppo sentimentali le sue opere rimasero popolari grazie alla sua abilità pittorica.

All’epoca era considerato uno dei migliori pittori inglesi di animali e gli furono commissionate diverse opere dalla Regina Vittoria in cui ritraesse lei e i suoi nipoti con i loro cani. Ottenne commissioni anche dall’allora principe del Galles, il futuro Edoardo VII, sempre per ritratti con animali domestici.

Tra i suoi quadri più famosi:

Burton Barber C_, Donna che legge con carlino

“Blond and brunette” detta anche “Donna che legge con carlino”, 1879

In questo dipinto che raffigura una giovane donna assorta nel suo libro mentre il Carlino riposa comodamente sul suo braccio, Barber cattura totalmente il fascino seducente della razza, questo piccolo cucciolo sta spudoratamente flirtando con lo spettatore.

“Un mostro”, 1866

“Un mostro”, 1866

Ancora una volta, Barber cattura la realtà della scena dipingendo il Carlino con la coda verso il basso e non arriccita come era consuetudine.

“Concern, girl with a pug”

“Concern, girl with a pug”

Queen_Victoria_pets_1885_Charles_Burton_Barber

“Queen Victoria pets”, 1885

“A family of pugs”, 1887 – Royal Collection – Osborne House - queen victoria

“A family of pugs”, 1887 – Royal Collection, Osborne House

La pittura rappresenta un gruppo di Carlini della Regina Vittoria.

 

0 comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>