I tanti nomi del Carlino

| STORIA

i nomi del carlino molti carlini vintageIl Carlino ha avuto molti nomi nel corso dei secoli.

I Cinesi, in epoca remota, lo hanno chiamato CANE DI FOO (o Cane di Fo) che significa “di stirpe nobile”. Altri nomi usati presso la corte del celeste impero erano: Lo Chaing Sze (abbreviato LO-SZE), Lo Chaing Pai o Pai Dog.

I Coreani e i Giapponesi lo chiamavano Szu Chuan e, successivamente, SICHUAN PAI (alcuni autori affermano che i commercianti olandesi potrebbero aver trovato questo nome difficile da tradurre e male interpretarono la lingua cinese, producendo il suono come “pug”)

Mentre nel Tibet il Carlino fu chiamato LAGS K’YI, ovvero Hand Dog, perché si credeva che se un essere umano avesse posto la sua mano su una giovane aquila appena nata, l’uccello si sarebbe trasformato nel cane cinese di razza Carlino.

Anche in Europa il Carlino fu battezzato con diversi nomi, in Olanda fu chiamato MOPSHOND, nome in uso ancora oggi. In altri paesi Europei era anche conosciuto come Mastino Olandese.

In Inghilterra assume il nome di PUG alla fine del XVI secolo. Il nome Pug appare nel dizionario del Bailey nel 1731, dove il termine sta a significare sia cane che scimmia (esiste un pò di somiglianza tra i due…!! ). Un certo reverendo di nome Pearce ha scritto invece che il nome del pug deriva dal greco e dal latino, infatti il termine “pugnus” in latino sta a significare una mano chiusa ovvero un pugno, che ha una certa somiglianza con il profilo del Carlino. Ipotesi meno plausibili sostengono che il nome Pug gli sia stato attribuito dal principe olandese Guglielmo III d’Orange, poi diventato re d’Inghilterra, che lo definisse Pug dal un verbo inglese che significava “brontolare”, poichè il suo Carlino gli salvò la vita svegliandolo nella notte abbaiando per avvertirlo dell’attentato.

Milo E. Denlinger, nel suo libro “The Complete Pug”, scrive:

Un’ipotesi di gran lunga migliore, probabilmente quella corretta, è che la parola Pug sia una deformazione di Puck, la fata maliziosa del Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare.

Questa derivazione è suggerita dal Century Dictionary,  uno dei più grandi dizionari enciclopedici della limgua inglese, le cui etimologie delle parole sono di solito affidabili. E come negare la predisposizione all’essere malizioso del Pug? Un’ulteriore prova che questa derivazione sia corretta è offerta con l’impiego del termine “picked up” da parte di alcune delle autorità del diciannovesimo secolo per descrivere il volto rugoso del Pug.

In Germania fu battezzato MOPS che significa straccio, riferito sempre al suo muso stropicciato. Alcuni sostengono che Mops derivi dal verbo “moppen”, cioè “avere l’aria corrucciata”.

In Italia e in Francia, quasi alla fine del 1800, fu chiamato CARLINO (o Carlin), che deriva dal nome di Carlo Bertinazzi (detto il Carlino) famoso attore della Comédie italienne installata a Parigi, che interpretava il ruolo di Arlecchino, la cui maschera nera ricordava il caratteristico muso del cane.

In epoche precedenti, si dice che il Carlino ebbe in Italia molti nomi, tra cui Cagantino, Camuso, Cagnuolo, Scimmiotto e Fanciullino. Alcune fonti sostengono che il primo nome italiano dato al Carlino, fu Cangallino.

Non dobbiamo dimenticare che l’originario nome spagnolo fu DOGULLO, mentre ora anche in Spagna vige il nome pug.

In Russia il nome per il Carlino era e rimane MONC.

3 Comments

3 Commenti on I tanti nomi del Carlino

  1. maria
    2 gennaio 2015 at 22:08 (2 anni ago)

    Amo il mio piccolo leone peloso dolce e affettuoso solo con me.

    Rispondi
  2. maria
    2 gennaio 2015 at 22:09 (2 anni ago)

    La legenda e favolosa…potrebbe avere qualche attinenza

    Rispondi
  3. maria
    2 gennaio 2015 at 22:11 (2 anni ago)

    ….a guardarlo bene…il mio piccolo Achille sembra un leoncino…..

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>