Il pelo del Carlino

| CARATTERISTICHE

Il pelo del CarlinoIl mantello del Carlino è caratterizzato da un pelo corto e molte persone fanno l’errore di credere che questo richieda poca manutenzione, ma non è così: sebbene i peli siano corti, vi è un abbondante sottopelo e questo significa tantissimi peli da perdere e da spargere sulle vostre poltrone!

Perché i Carlini perdono tutto questo pelo?

Il cappotto del Carlino è composto di due diversi strati di pelo: lo strato superficiale ha peli dritti di circa 2/3 cm, il sottopelo invece è morbido e soffice. Entrambi gli strati sono spessi, questo spiega il perché di tanta caduta. È interessante notare che, attraverso l’allevamento, i Carlini neri hanno sviluppato un solo strato di peli e quindi, la loro muta, è minore rispetto a quella dei Carlini fulvi e albicocca.

Come fare per limitare i “danni” ?

carlino spazzolatoUna toelettatura regolare è fondamentale, bisognerebbe eseguire almeno una spazzolatura settimanale che può essere intensificata durante i periodi di muta che si verificano generalmente a maggio e a settembre. Alcune persone sostengono che l’aggiunta di olio di semi di lino o di acido linoleico al cibo del vostro cane, lo aiuterà a sviluppare una pelle sana, che a sua volta dovrebbe contribuire a produrre un cappotto di peli sano.

Dopo la spazzolatura del vostro Carlino, sarete sempre ricoperti di peli quindi tenetevi un rullo anti-pelucchi a portata di mano per potervi subito pulire.

Ogni mese cercate di fare il bagnetto al vostro Carlino perché anche questo contribuirà a rendere il pelo bello e sano.

Mantenere il vostro Carlino ben curato è sicuramente una parte importante per mantenerlo sano e felice. Con il tempo il vostro Carlino amerà tutta questa attenzione!

0 comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>