La leggenda del carlino

| STORIA

leggenda del carlino

 

Apprezzatissimo, in Europa, già in epoche remote, il Carlino deve i suoi natali all’antichissima tradizione cinese. La storia ufficiale di questa razza è avvolta dal mistero poiché buona parte delle testimonianze storiche più antiche sono andate distrutte per mano dell’imperatore cinese Qin Shi Huang, il primo imperatore della Cina (221 – 210 a.C.) che ordinò, infatti, di distruggere tutti i documenti allora noti relativi al Carlino e alle sue origini. E’ qui che storia e leggenda s’intrecciano, attribuendo a quest’animale un significato magico e mitologico.

La leggenda racconta…

Un giorno un leone, il re degli animali, si innamorò di uno scoiattolo. Nonostante il sentimento fosse ricambiato, la differenza di dimensioni ostacolava la loro passione. Il leone si rivolse quindi agli Dei perché operassero un miracolo, consentendogli di formare, con il suo amato scoiattolo, una coppia perfetta. Gli Dei esaudirono il desiderio del leone e dal loro amore nacque uno splendido animale… il Carlino

E’ per questa ragione che il Carlino si comporta, tutt’oggi, come se fosse il re di tutto il creato, ma le qualità che ha ereditato dal leone sono molteplici.

A prima vista può sembrare, a chi non lo conosce, solo un semplice e delizioso animale da compagnia il cui scopo principale è quello di compiacere le persone, ma questo mini-molosso è molto, molto di più: flemmatico e fiero, divertente e dolcissimo, coraggioso e indissolubilmente devoto al padrone.

La sua superiorità intellettuale si manifesta anche nell’aspetto solenne e nobile, il cui punto più alto è rappresentato dalla perenne espressione di superiorità del carlino.

Nonostante che oggi gli sforzi del carlino si concentrino prevalentemente nello stare sdraiato su un comodo cuscino a farsi grattare dietro le orecchie e mangiare crocchette, non dobbiamo mai dimenticare che, se la situazione lo richiedesse, questo elegante pelosotto sarebbe subito pronto a tirar fuori la grinta insita del leone per rischiare e salvarci la vita!

0 comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>