Ossi finti da masticare, ecco perchè evitarli

| ALIMENTAZIONE

ossi da masticare

Promosso come uno snack “tutto naturale”, l’osso finto è un ottimo intrattenimento per il vostro cane che lo masticherà per ore. Ma è davvero così buono?

Come può uno dei più popolari ossi da masticare essere così pericoloso per i nostri animali domestici?

Se i produttori di queste ossa si tenessero agli standard del settore farmaceutico o alimentare, sarebbero costretti ad aggiungere una lunga lista di avvertenze alle loro etichette: può causare torsione dello stomaco, senso di soffocamento, vomito, diarrea, avvelenamento da salmonella e l’esposizione a diversi residui chimici.

Più il cane lecca, mastica e inghiottisce questo finto-snack, maggiore è la sua esposizione a tutti gli agenti inquinanti in esso contenuti.

La maggior parte dei proprietari, soprattutto i neofiti, credono che questo osso sia una sorta di bastone di carne essiccato. Sfatiamo questo mito!

Un osso finto non è il sottoprodotto della filiera bovina né è fatto di carne disidratata. Piuttosto è il sottoprodotto dell’Industria della pelle, quindi è un osso di pelle di scarto. Suona incredibile, vero?

Come fa questa pelle, a trasformarsi nei bellissimi ossi sapientemente arrotolati che troviamo in commercio?

FASE 1: le pelli bovine vengono spedite dai macelli alle concerie per l’elaborazione. Queste pelli vengono poi trattate con un bagno chimico per aiutare “preservare” il prodotto durante il trasporto e per prevenire il deterioramento.

Una volta alla conceria: le pelli sono impregnati e trattati con una soluzione tossica di solfuro di sodio. Questo processo contribuirà rendere liscia la pelle eliminando gli eventuali peli.

La produzione delle ossa di pelle inizia con la scissione della pelle d’animale, di solito dei bovini. La parte superiore è generalmente conciata e trasformata in prodotti come sedili per automobili, abbigliamento, scarpe e borse, mentre la porzione interna, cruda, va ai cani - TheBark.com

FASE 2: Ora che abbiamo lo strato interno della pelle, è il momento di passare alla fase post-conceria. Le pelli vengono lavate e sbiancate utilizzando una soluzione di perossido di idrogeno e/o candeggina; questo aiuterà anche a rimuovere l’odore del cuoio marcio e putrido.

FASE 3: Ora è il momento di dare un look delizioso a questi fogli di pelle.

I prodotti vengono cosparsi di grasso affumicato e decorativo il cui colore è dato da coloranti e aromi artificiali (spesso). Possono essere verniciati anche con un rivestimento di ossido di titanio per farli apparire bianchi e invitanti - Whole-dog-journal.com

Alcuni studi rivelando che una confezione di ossi può contenere sostanze cancerogene insieme a conservanti come il sodio benzoato – TheBark.com

FASE 4: ora che queste pelli sono state dipinte, è il momento per il processo finale: ottenere che durino per sempre!

Siccome la FDA, Centro di Medicina Veterinaria, non considera questi ossi da masticare come cibo, i produttori possono decidere di aggiungere a questo oggetto anche delle colle per fare in modo che non si sfaldino.

Altri residui tossici che possono essere rilevati nelle ossa di pelle sono l’arsenico e la formaldeide. Ma la cosa più sconvolgente è che un’indagine della Humane Society International, ha fatto emergere la possibilità che in questi finti ossi ci siano tracce di pelle di cane:

In un panorama particolarmente macabro, le pelli di cani, barbaramente macellati in Thailandia, sono mescolate con altri pezzi di pelle per produrre giocattoli di pelle masticabili per i cani da compagnia. I produttori hanno detto agli investigatori che questi giocattoli sono regolarmente esportati e venduti nei negozi statunitensi – Dogingtonpost.com

Non sappiamo se questo concetto riguardi anche l’Italia o l’Europa. Speriamo di no…

Condividi questa bella immagine sui tuoi social network!

ossi finti

0 comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>