Perché scegliere un antipulci naturale?

| CURA, IL CARLINO

antipulci naturali

Con l’arrivo della bella stagione diventa necessario proteggere i nostri carlini dall’attacco di parassiti come pulci e zecche. La cosa preoccupante è che esistono in commercio prodotti che riportano l’avviso di evitare il contatto con la pelle umana. Se il prodotto non è sicuro per la nostra pelle, come può esserlo per la pelle del nostro animale?

reazione allergicaMolti carlini risultano allergici a qualsiasi tipo di antipulci, collari compresi. Questi prodotti chimici possono indurre gravi reazioni avverse, tra cui salivazione eccessiva, eruzioni cutanee, perdita di pelo, tremori, iperattività, irrigidimento degli arti, convulsioni. Il veleno è veleno, non importa la forma in cui si presenta, ed esso finirà per passare attraverso la pelle vostro cane.

E’ bene ricorrere all’impiego di rimedi che si rivelino il più possibile innocui per l’animale, ma allo stesso tempo efficaci.

I trattamenti naturali, in genere, vanno applicati più frequentemente di quelli chimici, ma almeno non hanno effetti negativi sulla salute dell’animale o della famiglia.

Per una corretta protezione da pulci e zecche si consiglia di seguire alcuni passaggi fondamentali:

1) Lavaggi con shampoo antipulci naturale

pug shampoo

I cani che vivono in casa possono aver bisogno di essere lavati più spesso per essere sempre puliti e ridurre l’odore corporeo, pertanto è meglio scegliere uno shampoo naturale delicato.

Il nostro Shampoo antipulci all’olio di neem è completamente naturale, a base di estratti vegetali e contiene sostanze atossiche come l’aloe vera e la citronella, in grado di proteggere il cane dagli attacchi delle pulci e di mantenere lucido ed idratato il suo manto. Si consiglia l’uso ogni 2/3 settimane nei periodi di maggiore interesse.

2) Trattamenti localizzati

spot on pugTra un lavaggio e l’altro si può ricorrere a repellenti spot-on a base di erbe per tenere lontane le pulci. Si tratta di prodotti in gocce che intervengono direttamente sul ciclo di vita delle pulci e le cui quantità di applicazione si basano sulla taglia del cane.

Vi consigliamo di provare il nostro prodotto Anibio Melaflon a base di olio di neem, adatto anche per l’uso su animali giovani e nell’ambiente dei bambini. Melaflon spot-on gocce si diffonde rapidamente come un velo setoso e sottile sulla pelle e sui peli dell’animale. Le gocce spot-on non entrano nel sangue o nella circolazione linfatica e quindi sono sicure, se usate correttamente, per animale e proprietario (uomo).

Per carlini allergici e per i cuccioli, consigliamo l’utilizzo del Ciondolo tic-clip che contiene uno speciale strato energeticamente attivato (Bio-Energizzazione) con un alto potenziale di conduzione ed una elevata capacità di memorizzazione (fino a 2 anni). Nei dintorni del ciondolo, e quindi nel milieu (ambiente) dell’animale, indipendentemente dalle sue dimensioni e dal tipo di pelo, si realizza un campo speciale di vibrazione che protegge cani e gatti da zecche e pulci.

3) Pulizia della casa

Per tenere sotto controllo la presenza di pulci dentro e fuori casa, è importante trattare anche l’ambiente, oltre che gli animali. Passate accuratamente l’aspirapolvere nei luoghi della casa frequentati dal cane, nella cuccia e nell’automobile. Lavate spesso i cuscini e le coperte utilizzati dal cane con acqua e sapone e riservate il medesimo trattamento ai suoi giocattoli.

4) Spray antipulci per ambienti

E’ importante depurare l’ambiente in cui vive il cane, cuccia compresa, con uno spray naturale antipulci per liberarsi da larve e uova eventualmente presenti. Il nostro consiglio è di acquistare Anibio Spray Ambiente a base di agenti puramente vegetali. Protezione immediata e a lungo termine contro: pulci, larve delle pulci, acari, pidocchi e altri parassiti.

5) Controllare saltuariamente l’eventuale presenza di pulci sul vostro animale domestico

L’ultima arma nella battaglia con le pulci è il pettine antipulci. Spulciare la pelliccia del vostro animale domestico in prossimità della coda soprattutto, con il pettine e raccogliere un po’ di peli e sporcizia e poi metterli in un foglio di scottex bianco, premere: se la “sporcizia” crea macchie rossastre sul tovagliolo di carta, significa che le pulci sono presenti (la sporcizia sono in realtà le feci delle pulci).

0 comment

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>